Contact us

Tel: +30 210 3613379
Tel: +41 32 5101465

Contact

Attualità

Un'analisi sintetica del caso Verein KlimaSeniorinnen Schweiz e altri contro la Svizzera

Il 9 aprile 2024, la Corte europea dei diritti dell'uomo ha condannato il governo svizzero per non aver attuato politiche efficaci in materia di cambiamenti climatici e per aver violato il diritto alla vita.

La ricorrente di questo caso era un'associazione svizzera di donne anziane, di età compresa tra i 78 e gli 89 anni, che dal 2016 si batteva per la prevenzione dei cambiamenti climatici. Le ricorrenti lamentavano i problemi di salute causati dal riscaldamento globale e gli effetti sulle loro condizioni di salute, soprattutto durante le ondate di calore.

 Dopo aver esaurito tutti i rimedi interni in Svizzera, i ricorrenti hanno portato il caso davanti alla Corte europea dei diritti dell'uomo di Strasburgo e le accuse contro la Svizzera riguardavano l'articolo 2 (diritto alla vita), l'articolo 6 (diritto a un equo processo), l'articolo 8 (diritto al rispetto della vita privata e familiare), l'articolo 13 (diritto a un ricorso effettivo) e i criteri relativi all'articolo 34 (status di vittima).

La Corte ha ritenuto che vi fosse una violazione dell'articolo 8 e dell'articolo 6 § 1 della Convenzione.

Per quanto riguarda l'articolo 8, le autorità svizzere non hanno rispettato i propri doveri, noti anche come obblighi positivi, di attuare misure per ridurre gli effetti del cambiamento climatico e, di conseguenza, non hanno raggiunto l'obiettivo di riduzione delle emissioni di gas serra; mentre per quanto riguarda l'articolo 6, paragrafo 1, il diritto nazionale svizzero non prevede alcuna possibilità di adire un tribunale, in quanto prima della CEDU il caso veniva respinto solo da un'autorità amministrativa e poi dai tribunali nazionali a due livelli di giurisdizione.

Mentre questi due articoli sono stati ritenuti correttamente violati dalla Svizzera, la Grande Camera ha ritenuto irricevibili i ricorsi contro l'articolo 2 e l'articolo 13 per mancanza di elementi effettivi contro la Svizzera.

In conformità con l'articolo 34 della Convenzione, la Grande Camera ha colto questa sentenza come un'opportunità per stabilire nuovi criteri relativi allo status di vittima nei casi legati al clima e per prevenire potenziali futuri casi di actio popularis.

Si potrebbe obiettare che la decisione della Corte sul caso Verein KlimaSeniorinnen Schweiz e altri contro la Svizzera sia stata troppo severa nei confronti delle autorità svizzere. Lo stesso giorno sono state dichiarate irricevibili altre due cause, Carême contro la Francia e Duarte Agostinho e altri contro il Portogallo, con le stesse accuse sul cambiamento climatico.

Per quanto riguarda il caso contro la Francia, i reclami presentati dal ricorrente non sono stati accolti perché lo stesso non vive più nel luogo in cui sta cercando rimedi, ed è stato considerato irricevibile ai sensi dell'Articolo 34.

Per quanto riguarda i ricorsi contro il Portogallo, i ricorrenti non hanno esaurito tutte le vie di ricorso interne, e quindi sono contrari ai criteri di applicabilità stabiliti dalla Convenzione.

Certamente la decisione della Corte contro la Svizzera ha sollevato molte critiche e dubbi sull'equità della sentenza, ma ha segnato la prima pronuncia della Corte su un caso di clima, arricchendo così la giurisprudenza della Corte europea dei diritti dell'uomo.

Thomas AGUIAR, Ingrid POUWER, Marie-Lise SALAME, Chiara SOUVLAKIS, Nadia DJENNI

 

Volare in Grecia senza danneggiare il portafoglio svizzero: uno sguardo ad alcune sottigliezze della quota associativa della confederazione

1. Coordinamento tra Svizzera e Unione europea

Il quadro giuridico che regola le relazioni tra la Svizzera e l'UE si basa su un accordo bilaterale: l'Accordo del 21 giugno 1999 tra la Confederazione Svizzera, da una parte, e la Comunità europea e i suoi Stati membri, dall'altra, sulla libera circolazione delle persone (di seguito "ALCP").

L'allegato II di questo accordo fa riferimento al Regolamento europeo (CE) n. 883/2004 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 29 aprile 2004, relativo al coordinamento dei sistemi di sicurezza sociale e al Regolamento europeo (CE) n. 987/2009 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 16 settembre 2009, che stabilisce le modalità di applicazione del Regolamento (CE) n. 883/2004.

Le norme di coordinamento SALW devono essere applicate in via prioritaria, anche se in contrasto con le norme europee (Métral Jean/Moser-Szeless Margit, L'accord sur la libre circulation des personnes: coordination des systèmes de sécurité sociale et jurisprudence du Tribunal fédéral (II), REAS 2007, p. 169).

Questi regolamenti consentono di rafforzare la cooperazione tra le istituzioni di sicurezza sociale degli Stati membri dell'UE e della Svizzera, in particolare per quanto riguarda le istituzioni per la vecchiaia.

Si noti in particolare che quando si versano contributi in più Stati, ciascuno di essi eroga una rendita o una prestazione in capitale corrispondente al patrimonio accumulato per il lavoro svolto nel proprio Paese. Non è possibile trasferire gli attivi professionali tra fondi pensione situati in Paesi diversi. Pertanto, se avete versato contributi in più Paesi, riceverete una rendita o una prestazione in capitale da ciascuno di essi, a seconda delle condizioni applicabili.

2. Pensione AVS (1° pilastro)

In Svizzera, l'accesso alle prestazioni ordinarie del primo pilastro è subordinato al compimento del 65° anno di età (art. 21 al. 1 LAVS).

Oltre alle prestazioni ordinarie, è possibile optare per il pensionamento anticipato uno o due anni prima dell'età pensionabile ordinaria, ossia a 63 o 64 anni. Non esistono motivi specifici per il pensionamento anticipato (malattia, ecc.); solo il requisito dell'età (art. 40 cpv. 1 LAVS) e l'eventuale riscatto di prestazioni regolamentari (art. 1b OPP 2) sono rilevanti per determinare questo diritto.

Per quanto riguarda i lavoratori stranieri, l'art. 18 cpv. 2 LAVS specifica che essi e i loro superstiti che non sono cittadini svizzeri hanno diritto alla pensione solo finché hanno il domicilio e la residenza abituale in Svizzera.  Il concetto di domicilio si basa sugli articoli da 23 a 26 del Codice civile svizzero (art. 13 cpv. 1 LPGA), mentre quello di residenza abituale (art. 13 cpv. 2 LPGA) "corrisponde al luogo in cui la persona interessata soggiorna per un certo periodo di tempo, anche se la durata di tale soggiorno è limitata fin dall'inizio" (DTF 141 V 530, considerando 5.1. e riferimenti citati). Di conseguenza, una persona senza cittadinanza svizzera che lascia definitivamente la Svizzera per stabilirsi all'estero perde il diritto alla pensione AVS svizzera.

3. Previdenza professionale (2° pilastro)

Nel caso della previdenza professionale (2° pilastro), il diritto alle prestazioni di vecchiaia sorge a partire dal 65° anno di età (art. 13 cpv. 1 LPP).

Il reddito accumulato nel corso degli anni nel conto della previdenza professionale può essere versato sotto forma di rendita (pagamento mensile) o di un unico versamento in capitale dall'intero patrimonio della previdenza professionale. È importante notare che una rendita può essere pagata solo dopo aver versato un certo numero di contributi, altrimenti può essere versata solo in un'unica soluzione. Per sapere a quanto ammonta la rendita, contattate il vostro fondo pensione.

Un'altra nota importante: non è possibile effettuare un prelievo in capitale prima del pensionamento o del pensionamento anticipato se si lascia definitivamente la Svizzera per trasferirsi in un Paese dell'UE/AELS (Vuilleumier Frédéric, Prévoyance professionnelle et aspects internationaux - partie II, in Droit fiscal et assurances sociales, en particulier la prévoyance professionnelle et les aspects transfrontaliers [de Vries Reilingh Daniel, a cura di], Zurigo (Schulthess Daniel). ), Zurigo (Schulthess) 2016, pag. 159 e segg., pag. 178; Office fédéral des assurances sociales OFAS, Prévoyance professionnelle (2e pilier), Prestation de libre passage : n'oubliez pas vos actifs et prévoyances).

4. Cosa succede in caso di morte del coniuge?

Il coniuge superstite ha diritto a una pensione di vedovanza alle seguenti condizioni cumulative:

  • · Se il coniuge superstite ha almeno un figlio a carico o ha compiuto 45 anni (art. 19 al. 1 let. a LPP/BVG);
  • · Se il coniuge superstite è stato sposato con il defunto per almeno cinque anni (art. 19 cpv. 1 lett. b LPP);
  • · Se il defunto aveva versato contributi sufficienti (al primo pilastro);
  • · Se l'avere previdenziale del defunto non è stato precedentemente prelevato in forma di capitale.

Le pensioni di reversibilità (in questo caso, la pensione di vedovanza) sono versate nell'UE alle stesse condizioni della Svizzera. Tuttavia, non possono essere versate contemporaneamente a una pensione di vecchiaia in Svizzera. Se le due pensioni (ad esempio la pensione di vedovanza e la pensione AVS) sono in concorrenza, viene corrisposta la più alta delle due (art. 24b LAVS/AHVS). Se il coniuge superstite ha versato più contributi del coniuge deceduto, è probabile che riceva solo la sua pensione di vecchiaia, e viceversa.

Analogamente, alcuni Stati riducono le prestazioni in caso di cumulo di pensioni dall'estero con pensioni nazionali (art. 10 del Regolamento europeo (CE) n. 987/2009).

5. Scelta tra rendita e capitale e modalità di pagamento all'estero

È necessario valutare se sia preferibile optare per una rendita pagata a lungo termine (in genere fino al decesso del beneficiario) o per un prelievo di tutti i contributi (cioè un pagamento in capitale), a seconda dello stato di salute del beneficiario, degli anni di contributi, delle esigenze del coniuge, dei progetti di vita, ecc.

Il pagamento in capitale per il pensionamento anticipato sarà solo parziale: una somma indicata sul certificato di assicurazione deve rimanere sul conto di libero passaggio in attesa dell'età pensionabile o del decesso. Tale importo varia a seconda dell'istituto di previdenza.

6. Conclusione

La sicurezza sociale svizzera è disponibile in tutta Europa per i cittadini svizzeri, ma solo in Svizzera per i cittadini stranieri. Si noti inoltre che la salute non è un fattore rilevante quando si parla di pensionamento anticipato. Quando si tratta di fare scelte cruciali, si dovrebbe optare per un pagamento in capitale quando non si è in buona salute per facilitare l'accesso al patrimonio pensionistico per il coniuge superstite, ma preferire una rendita quando si cerca la comodità di un pagamento mensile.

Si noti che questo consiglio si applica in linea di principio a un trasferimento in qualsiasi Paese UE/EFTA.

Auriane PHILIPPE, Thomas AGUIAR, Ilona CADOUX, Marie CARRILLO

Richiesta alla Corte europea dei diritti dell'uomo: il diritto alla vita compromesso

Nel 2018, mentre passeggiavano tranquillamente su un marciapiede, una madre e sua figlia di 38 anni sono state investite da un automobilista che aveva perso il controllo della sua auto. La figlia è morta sul colpo e la madre è rimasta gravemente ferita. Le autorità svizzere non hanno ritenuto colpevole l'autista, in quanto non è stato possibile determinare con esattezza le circostanze del blackout da lui denunciato. Il tribunale penale svizzero lo ha quindi assolto da ogni colpa e da ogni pena.

Come può un omicidio, anche involontario, rimanere impunito? Questa è la domanda che abbiamo posto ai giudici della Corte Europea dei Diritti dell'Uomo (di seguito: ECtHR), invocando l'Articolo 2 della Convenzione, che stabilisce che "il diritto alla vita di ogni individuo deve essere protetto dalla legge", nonché l'Articolo 6, che richiede garanzie per lo svolgimento del processo.

Dopo aver fatto appello a tutti i tribunali svizzeri, la ricorrente (la madre della vittima) si è rivolta alla Corte europea dei diritti dell'uomo per ottenere giustizia per se stessa e per sua figlia (che è morta sul posto), e in seguito all'incidente che l'ha resa permanentemente disabile. Ha sollevato una serie di reclami contro i nostri tribunali. In breve, secondo la ricorrente, i tribunali svizzeri non hanno adempiuto all'obbligo previsto dall'Articolo 2 della Convenzione europea dei diritti dell'uomo (CEDU). Quest'ultima richiede l'istituzione di un sistema giudiziario efficace e indipendente che permetta di stabilire le circostanze della morte e, se del caso, di chiamare i responsabili a rispondere delle loro azioni. Questo obbligo positivo ai sensi dello stesso articolo deve essere interpretato come applicabile nel contesto di qualsiasi attività, pubblica o di altro tipo, in cui possa essere in gioco il diritto alla vita (Ciechońska c. Polonia, 2011, § 69; Banel c. Lituania, 2013, § 68). In entrambi i casi, la Corte europea dei diritti dell'uomo ha riconosciuto che i tribunali nazionali non avevano fatto tutto il possibile per garantire che le violazioni ingiustificate del diritto alla vita non rimanessero impunite. Tale comportamento eviterebbe qualsiasi apparenza di tolleranza di atti illegali e manterrebbe la fiducia del pubblico (Oruk c. Turchia, 2014, §46).

Nel nostro caso, l'assoluzione dell'autista potrebbe sembrare minare il ruolo deterrente del sistema giudiziario nel prevenire le violazioni del diritto alla vita.

La prima doglianza, sollevata dal ricorrente, si basa sull'incapacità dei tribunali svizzeri di prendere in considerazione le prove che potrebbero portare all'accertamento delle circostanze del decesso e, se del caso, di ritenere i responsabili responsabili per le loro azioni, oltre all'obbligo di garantire l'effettivo funzionamento di un certo quadro normativo. In questo caso, i tribunali svizzeri si sono accontentati di basarsi su due perizie mediche, anche se ce n'era una terza che sosteneva un certo grado di responsabilità da parte del conducente. L'attribuzione della responsabilità non poteva essere accettata sulla base dei risultati della terza perizia, che suggeriva che il conducente si era addormentato durante l'incidente.

Il secondo reclamo si basa sull'inadeguatezza del quadro normativo interno per la circolazione stradale. Quest'ultimo non è sufficientemente dissuasivo e rigoroso per garantire un'efficace prevenzione degli atti illeciti. L'ordinamento giuridico svizzero non prevede il divieto di guidare in determinate condizioni. Inoltre, il richiedente lamenta che l'omicidio in questo caso è rimasto impunito. Non sono state adottate né sanzioni né misure contro l'autore dell'omicidio per l'assunzione di farmaci. Gli effetti di questi farmaci, tuttavia, includevano una riduzione significativa delle prestazioni cognitive e della sonnolenza. Sebbene il conducente rappresentasse un potenziale pericolo per la sicurezza stradale, si è ritenuto che non avesse violato il suo dovere di diligenza. Tuttavia, la giurisprudenza svizzera presume che il presunto colpevole sia stato negligente se non ha prestato la cura e lo sforzo che ci si poteva aspettare da lui per adempiere ai suoi doveri in base alle norme di legge emanate per garantire la sicurezza e prevenire gli incidenti (sentenza del Tribunale federale del 02.08.2016, 6B 965/2014, considerando 3).

L'ultimo reclamo riguarda l'Articolo 6 della Convenzione, che riguarda "il diritto a un equo processo da parte di un tribunale imparziale e indipendente". La ricorrente lamentava che i tribunali nazionali non avevano accettato nuove valutazioni dell'insieme di prove fornite in uno dei rapporti medici dell'imputato. Di conseguenza, la sua difesa si è trovata in una posizione di svantaggio per quanto riguarda l'esame delle prove stabilite dai referti medici. Le regole sull'ammissibilità delle opinioni o delle prove peritali non devono privare la difesa della possibilità di contestarle efficacemente, in particolare presentando o ottenendo altre opinioni e relazioni. La giurisprudenza relativa all'Articolo 6 § 1 CEDU considera una violazione il rifiuto di autorizzare un esame peritale alternativo delle prove materiali (vedere Stoimenov c. ex Repubblica jugoslava di Macedonia, n. 17995/02, §§ 38 e seguenti, 5 aprile 2007).

Nulla poena sine lege, come recita l'Articolo 7 della CEDU. In Svizzera, l'assenza di una disposizione che condanni una determinata condotta non significa che la stessa condotta debba rimanere impunita. In questo caso, l'articolo 117 del Codice Penale svizzero criminalizza specificamente l'omicidio. Il reato è certamente grave e non c'è motivo per cui debba rimanere impunito.

Come ultima risorsa, la madre si è appellata alla Corte europea dei diritti dell'uomo per stabilire se l'autista fosse penalmente responsabile.

In attesa della decisione dei giudici di Strasburgo, si spera che questo caso davanti alla Corte europea dei diritti dell'uomo porti a un chiarimento sull'attribuzione di sanzioni ad atti che dovrebbero essere punibili penalmente.

Campos Kelly, Jayo Paul, Mariotti Maeva e Pelletier Eloïse

Costruire ponti: L'anticamera della COP31 in Svizzera

Di Patrick Odier. Ex Senior Managing Partner del Gruppo Lombard Odier


Ospitare la COP nel 2026 sarebbe un vero progetto per la Svizzera e gli svizzeri. Sarebbe anche un'opportunità per innovare, proponendo un formato più ragionevole e adattato ai vincoli ambientali e indirizzando meglio l'agenda su argomenti in cui la Svizzera ha una particolare competenza. Una decisione di principio da parte del Consiglio federale è attesa per l'inizio di novembre 2022.
Impegni concreti per un maggiore impatto
La terza edizione di Building Bridges ha mostrato la strada da seguire. Infatti, questo evento internazionale ha riunito in Svizzera per quattro giorni, dal 3 al 6 ottobre 2022, più di 2000 partecipanti da 51 Paesi e quasi 16.000 persone collegate per seguire o partecipare ai 68 eventi del programma.
In effetti, Building Bridges potrebbe rappresentare un passo avanti nella preparazione di una candidatura svizzera alla COP del 2026. Sfruttando l'ecosistema unico della Svizzera, Building Bridges è riuscito brillantemente, con il sostegno delle nostre autorità federali, a riunire attori della finanza, delle organizzazioni internazionali, delle università, delle ONG, del settore pubblico e privato e della società civile verso un obiettivo comune sostenibile.
Al di là delle buone intenzioni, tutti questi attori si sono mobilitati per prendere impegni concreti per accelerare la transizione sostenibile. Così, sono state lanciate diverse iniziative già annunciate durante la seconda edizione di Building Bridges nel 2021: in particolare i "punteggi climatici svizzeri", adottati dal Consiglio federale nel giugno 2022. Non misurano i criteri ESG di un'azienda, ma il suo allineamento con l'obiettivo di riduzione delle emissioni di carbonio stabilito dagli Accordi di Parigi. Inoltre, molti operatori finanziari stanno trasformando i portafogli dei loro clienti in base alla loro sensibilità a queste tematiche sostenibili.
La finanza: una leva importante per accelerare la transizione
Quest'anno, in occasione di Building Bridges, sono state annunciate due nuove organizzazioni dedicate alle soluzioni per salvare la natura: Natura-Finanza e Innovante per la Finanza. Ma dobbiamo fare di più in termini di educazione, linguaggio comune, volontà politica e investimenti per avere un impatto maggiore e più velocemente.
Nonostante questi progressi reali, i progressi non sono abbastanza rapidi. In particolare, i sistemi di valutazione delle aziende per selezionare e indirizzare il capitale verso quelle più virtuose devono essere più chiari e basati su fondamenti scientifici e trasparenti. Ma non facciamo errori: la finanza non è onnipotente. Può accompagnare, aiutare e stimolare le aziende nella loro transizione verso un'economia più sostenibile, ma non può sostituire l'attività industriale o la legislazione governativa. Non chiediamo alla finanza di dire cosa è permesso o vietato, né di giudicare se è ragionevole o meno usare cannoni da neve a un'altitudine di 2000 metri. Queste scelte devono essere fatte, argomentate e discusse dalle autorità competenti.
La finanza non può e non deve essere l'unica portatrice di quelle che sono le scelte della società. In effetti, il settore finanziario ha disperatamente bisogno della leadership e dell'ambizione dei responsabili politici e dell'economia reale per avere un maggiore impatto. Una delle sfide della COP27, che si aprirà all'inizio di novembre in Egitto, sarà la capacità dei leader politici di resistere alla tentazione del guadagno politico a breve termine, ossia di concentrarsi sui benefici politici, economici e ambientali che potrebbero essere raccolti in anni, non in settimane.
L'impreparazione collettiva agli eventi meteorologici estremi, così come l'ansia globale senza precedenti per la sicurezza energetica, alimentare e delle materie prime, richiedono un salto radicale nella corsa al riallineamento del nostro sistema economico con i limiti del nostro pianeta.
Puntare più in alto
L'attuale modello di crescita economica, con i suoi significativi danni collaterali, deve essere ripensato con l'aiuto degli attori finanziari e di tutte le parti interessate. Questo è l'obiettivo di Building Bridges, che dimostra che è possibile. Ma la Svizzera può e deve puntare più in alto, nello slancio di questo evento che ha ormai dimostrato la sua rilevanza.
Il nostro Paese gode di una reputazione senza pari nel multilateralismo, grazie alla sua agilità diplomatica, alla sua eredità ONU e alla sua neutralità. Ciò che è stato realizzato in Svizzera al servizio dell'azione umanitaria e della diplomazia è un riferimento universale. Ospitando la COP nel 2026, la Svizzera sarebbe al suo posto, al centro del dialogo, per contribuire a garantire la necessaria transizione sostenibile. ■

Fonte: Le temps.24.10.2022 www.letemps.ch Ristampato con il permesso dell'autore Patrick Odier

Acquisto di una casa di vacanza in Svizzera da parte di non residenti o stranieri

I.  Introduzione

La Legge federale sull'acquisto di beni immobili da parte di persone all'estero (LFAIE; RS 211.412.41), nota anche come Lex Koller, è una legge che mira a limitare l'acquisto di beni immobili da parte di persone domiciliate all'estero, al fine di "prevenire la proprietà straniera del suolo svizzero".

Questa legge varia a seconda del tipo di permesso di soggiorno, del Paese di origine e del luogo di residenza. Il suo funzionamento è quindi complesso. Inoltre, la legge cambia a seconda che la proprietà venga utilizzata come seconda casa, residenza primaria o seconda casa. Gli investitori stranieri non possono acquistare immobili residenziali, ma possono investire in immobili commerciali, artigianali e sovvenzionati.

L'acquisizione di immobili soggetti al regime di autorizzazione richiede la concessione di un'autorizzazione da parte dell'autorità cantonale competente (art. 2, comma 1, LFAIE). Pertanto, l'applicazione di questa legge è principalmente responsabilità del Cantone nel cui territorio si trova l'immobile. È l'autorità competente designata dal Cantone in questione a decidere se un atto legale è soggetto ad autorizzazione e se l'autorizzazione deve essere concessa (art. 15, comma 1, lettera a, FL). L'autorizzazione viene concessa solo per i motivi indicati nella FL e, ove applicabile, nella legge cantonale (art. 3, 8 e 9 FL).

II.            Responsabilità

In linea di principio, devono essere soddisfatte tre condizioni cumulative affinché un negozio giuridico sia soggetto al regime di autorizzazione:

- L'acquirente deve essere una persona all'estero ai sensi della FL (responsabilità soggettiva).

- L'oggetto della transazione legale deve riguardare un bene soggetto a tassazione ai sensi della FL (tassazione oggettiva basata sull'uso del bene).

- Il diritto acquisito deve essere equivalente a un'acquisizione di proprietà immobiliare ai sensi della FL (tassazione oggettiva in base al tipo di diritto).

Anche se queste tre condizioni sono soddisfatte, esistono comunque delle eccezioni all'obbligo di ottenere l'autorizzazione ai sensi dell'Art. 7 FL.

III.           Persone all'estero

La Lex Koller definisce le persone all'estero all'Art. 5 comma 1 lettere a e abis FL (integrato dall'Art. 2 OFL). Si tratta di stranieri domiciliati all'estero e di stranieri domiciliati in Svizzera che non sono cittadini di uno Stato membro della Comunità Europea (CE) o dell'Associazione Europea di Libero Scambio (AELS) o titolari di un permesso di domicilio C valido.

Questo regime si applica anche alle società con sede legale all'estero, anche se sono in mani svizzere e considerate svizzere dal punto di vista economico.

IV.           Alloggi per vacanze

Uno straniero soggetto ad autorizzazione può acquistare un appartamento in un residence o in una casa vacanze (Art. 9, paragrafi 2 e 3, e Art. 10 FL). Il luogo di alloggio deve essere designato come zona turistica dal Cantone interessato. Ogni autorizzazione è soggetta alla quota annuale assegnata dalla Confederazione al Cantone per le case e gli appartamenti di vacanza in un aparthotel (art. 11 LFAIE, art. 9 OFL e allegato 1 OFL), a meno che l'autorizzazione per l'acquisto di questa casa o appartamento non sia già stata ottenuta dal venditore in quel momento.

Le quote possono anche essere trasferite a persone non imponibili per consentire la vendita di abitazioni a cittadini stranieri (le cosiddette autorizzazioni "di principio"). Di conseguenza, gli acquisti individuali da parte di cittadini stranieri rimangono soggetti ad autorizzazione, ma non vengono più conteggiati nella quota. I Cantoni e i Comuni turistici possono imporre restrizioni. Ad esempio, possono decidere di bloccare completamente una località, di consentire l'acquisto di proprietà a più piani e solo fino a una certa quota, di limitare il numero annuale di autorizzazioni o di limitare l'acquisto di abitazioni già in mani straniere (Art. 13 FL).

I seguenti cantoni consentono l'acquisto di una casa vacanze o di un appartamento in un aparthotel: Appenzello Esterno, Berna, Friburgo, Glarona, Grigioni, Giura, Lucerna, Neuchâtel, Nidvaldo, Obvaldo, San Gallo, Sciaffusa (solo per gli appartamenti in un aparthotel), Svitto, Ticino, Uri, Vallese e Vaud.

Le case vacanza non possono essere affittate per tutto l'anno, ma solo a breve termine. L'acquirente deve essere in grado di utilizzare personalmente l'immobile in base allo scopo per cui ha fatto richiesta. Gli appartamenti di una residenza alberghiera devono essere lasciati a disposizione dell'albergatore, in modo che possa gestirli come un albergo, soprattutto durante l'alta stagione (Art. 10, lettera b, OAIE).

Secondo l'Art. 8 dell'OAIE, l'alloggio per le vacanze può essere acquistato solo da persone fisiche direttamente a proprio nome; l'acquisto indiretto di un alloggio tramite una persona giuridica non è possibile.

In linea di principio, secondo l'Art. 10 (2) e (3) dell'OAIE, la superficie netta del pavimento di un immobile non deve superare i 200 m2 e la superficie del terreno i 1.000 m2 (Art. 10 (2) e (3) OAIE). Secondo la prassi consolidata, in caso di necessità aggiuntive, è possibile autorizzare fino a 250 m2 di superficie netta del pavimento e 1.500 m2 di superficie del terreno e, in casi eccezionali, eccedenze maggiori.

 

Mizgin CADIR, Alain AGUPYAN & Cassandra JOCHUM

Trasferimento illegale di bambini dalla Grecia alla Svizzera: il Tribunale federale ordina il ritorno in Grecia

L'anno 2022 ha visto un'importante vittoria legale per il nostro studio legale ELC.
Il 28 settembre 2022, la Corte Suprema svizzera (il Tribunale federale) ha emesso una decisione che ha posto fine a un caso di allontanamento illegale di bambini dalla Grecia alla Svizzera per sette mesi. Il nostro studio, rappresentando il padre dei bambini e richiedendo la loro restituzione, ha vinto la causa.

Il fenomeno della sottrazione di minori è cresciuto negli ultimi decenni per una serie di ragioni, tra cui la globalizzazione, i cambiamenti nel diritto di famiglia e l'aumento delle coppie binazionali.
La Convenzione dell'Aia del 25 ottobre 1980 sugli aspetti civili della sottrazione internazionale di minori (di seguito denominata Convenzione dell'Aia) è il principale strumento giuridico in questo campo, essendo attualmente vincolante per 100 Stati (per maggiori informazioni, legga il nostro articolo del 1° febbraio 2022).

Davanti ai tribunali cantonali, la questione più controversa era se la madre, secondo la legge greca, potesse trasferirsi in Svizzera con i figli senza il permesso del padre, dato che aveva la custodia esclusiva temporanea dei bambini e che la coppia era separata da anni. La madre, d'altra parte, ha ovviamente sostenuto che il consenso del padre al trasferimento all'estero non era necessario a causa della sua custodia esclusiva dei figli.

Il giudice svizzero non ha dovuto decidere la questione analizzando la legge greca, poiché il 10 maggio 2022 il Tribunale di Atene ha stabilito che il trasferimento era illegale. In effetti, l'Art. 14 THA 80 consente alle autorità dello Stato richiesto di basarsi direttamente su una decisione giudiziaria o amministrativa formalmente riconosciuta nello Stato di residenza abituale del minore per determinare l'esistenza di un trasferimento illecito ai sensi dell'Art. 3 THA 80.

L'autorità giudiziaria svizzera ha quindi dovuto analizzare le eccezioni al rimpatrio previste dall'Art. 13 THC 80, che mancavano in questo caso, prima di ordinare il rimpatrio immediato dei bambini in Grecia, in conformità con l'Art. 12 THC 80.

La decisione del tribunale cantonale conferma la rigidità del THC 80, che è stato giustamente concepito per proteggere i minori dalle conseguenze dannose della sottrazione, garantendo, tra l'altro, il rispetto effettivo dei diritti di custodia e di visita esistenti in uno Stato contraente. In questo caso, né la rapida integrazione dei bambini in Svizzera né la loro preferenza per questo Paese potevano impedire il loro ritorno nel Paese di residenza abituale, la Grecia, poiché la legge di quel Paese era stata violata.

Nel suo ricorso al Tribunale federale, la madre dei bambini ha contestato principalmente il fatto che il Tribunale cantonale avesse basato la sua sentenza (ai sensi dell'articolo 14 CLaH 80) sulla decisione greca del 10 maggio 2022, che secondo lei non era valida.
La risposta della Corte Suprema svizzera a questo reclamo è stata chiara: l'Art. 14 THA 80 serve il principio di opportunità che dovrebbe essere applicato a questo tipo di casi; il suo scopo non è quindi quello di riconoscere in anticipo una decisione straniera o di esaminarne la conformità. Di conseguenza, l'autorità cantonale non aveva violato la legge federale.
Inoltre, il Tribunale federale ha confermato la sua giurisprudenza non solo sull'applicazione restrittiva delle eccezioni al rimpatrio (art. 13 CLaH 80), ma anche sull'onere della prova e sull'obbligo di motivazione (art. 42 comma 2 FSCA).
Nel caso in questione, i reclami sollevati dalla ricorrente erano di natura puramente appellatoria o esprimevano il suo punto di vista, ma non mostravano con precisione in che modo il tribunale cantonale avesse violato la legge.
L'appello è stato quindi respinto.

I bambini, rappresentati da un avvocato di loro scelta e non dal curatore che era stato nominato nel procedimento cantonale, hanno anche presentato ricorso al Tribunale federale.
Tuttavia, il ricorso è stato dichiarato inammissibile. Infatti, non avendo la capacità di discernimento in merito alla controversia tra i genitori, che era stata decisa dal Tribunale cantonale, i ricorrenti non potevano affrancarsi dai servizi del loro curatore per nominare un avvocato di loro scelta.

Dopo sette mesi di battaglia legale, per una controversia che si è rivelata molto delicata non solo per la sua natura ma anche per i rapporti tesi tra le parti, abbiamo accolto con favore la decisione del Tribunale federale. È stata fatta giustizia per un padre i cui diritti sono stati violati!

Carmela Telemaco
Constantin Kokkinos


REVISIONE DEL DIRITTO SUCCESSORIO SVIZZERO 2023

In seguito ai dibattiti parlamentari Svizzeri, una nuova legge sulle successioni entrerà in vigore a partire dal 2023 in Svizzera. Le nuove disposizioni di legge si applicheranno a tutte le successioni di persone decedute a partire dal 1° gennaio 2023.

Oggi il sistema prevede, tra l'altro, che la riserva legale assegnata a un discendente sia pari a ¾ del suo diritto ereditario; quella dei genitori superstiti sia pari a ½ ciascuno; e la riserva legale del coniuge o partner registrato superstite sia pari a 1/2 (art. 471 CC).

Le principali modifiche previste per il 2023 riguardano l'assegnazione legale delle riserve ereditarie. Infatti, la quota di riserva dei discendenti è ridotta alla metà della quota legale (½), cioè a ¼ dell'eredità; e la quota di riserva dei genitori superstiti sarà abolita.

Tuttavia, al partner del defunto, vincolato per legge, verrà comunque assegnata una riserva di ½. Inoltre, il convivente non ha ancora diritto all'eredità.

Questa nuova ripartizione delle quote legali offre al testatore una maggiore flessibilità nella distribuzione dell'eredità. Ora, la metà del patrimonio totale può essere distribuita liberamente dal testatore, invece di ⅜ del patrimonio precedente.

Implicazioni per l'usufrutto:  

I coniugi/partner registrati mantengono la possibilità di prevedere la concessione di un usufrutto sull'intera quota di eredità devoluta ai figli comuni. Tuttavia, possono estendere questo vantaggio al partner; infatti, possono ora attribuire al coniuge/partner registrato la metà dell'eredità in piena proprietà (cioè la quota disponibile di ½ dell'eredità, invece dell'attuale ¼) e l'altra metà in usufrutto (½ invece degli attuali ¾).

Tuttavia, se il coniuge/partner registrato si risposa o contrae una nuova unione registrata, perde l'usufrutto sui beni di riserva dei figli. I figli diventano proprietari a tutti gli effetti della loro quota di eredità, che non è più soggetta a usufrutto.

Coppia coinvolta in un procedimento di divorzio :

Non appena viene avviato un procedimento di divorzio o di scioglimento di un'unione registrata, la protezione della riserva ereditaria cessa, anche prima della pronuncia definitiva del divorzio o dell'unione registrata.

Perché ciò avvenga, è sufficiente che :

- il procedimento di divorzio è stato avviato con istanza congiunta, o

- i coniugi hanno vissuto separatamente per almeno due anni, e

- uno dei due coniugi muore e

- che questa privazione dell'eredità sia prevista nel testamento del defunto.

Infine, il coniuge superstite perderà legalmente :

- la sua quota di eredità riservata

- i suoi diritti derivanti da disposizioni a causa di morte

- i doni previsti dal contratto di matrimonio.

Doni inter vivos:

Mentre la legge attuale prevede che una donazione fatta dal testatore dopo la stipula di un contratto successorio possa essere annullata solo se contravviene alle disposizioni del contratto successorio o se c'è l'intenzione di pregiudicare gli eredi istituiti, la nuova legge del 2023 consentirà al contraente del contratto successorio di opporsi alle disposizioni a causa di morte o alle liberalità tra vivi senza la necessità di provare che queste causino un pregiudizio al contraente.

Questo ci avvicina a una pratica restrittiva della libertà del testatore di disporre dei propri beni.

Inoltre, la riforma modifica l'ordine in cui possono essere effettuate le riduzioni dei doni in caso di violazione della riserva legale. Fino alla ricostituzione della riserva, l'ordine di riduzione è il seguente:

1.     1. Acquisizioni in caso di decesso dovuto alla legge

2.     Doni in luogo del decesso

3.     Doni tra persone viventi

Chiarezza per il Pilastro 3a:

Le attività pensionistiche del pilastro 3A saranno ora incluse nel calcolo delle riserve (per il loro valore di riscatto) e non saranno incluse nella successione.

Questa disposizione, già in vigore ma attualmente vaga, sarà espressamente inserita nel testo di legge e chiarita.

In conclusione, stiamo andando verso una modernizzazione del diritto svizzero. La Confederazione Svizzera sta colmando le proprie lacune in materia di diritto successorio attraverso standard già applicabili nella maggior parte dei Paesi europei.

 

Jacques DEGORS & Ilona ROUSSEL

Fonti : ww.ubs.com / www.bdo.ch / arpr.ch / www.mll-news.com 

 

IL RISARCIMENTO DEI PARENTI DELLE VITTIME NEL DIRITTO SVIZZERO, LA DIFFICILE QUANTIFICAZIONE DI UNA PERDITA UMANA

TORTURA MORALE

In Svizzera, l'articolo 47 della Legge federale che integra il Codice civile svizzero stabilisce che "il giudice può, tenendo conto di circostanze particolari, concedere alla vittima di lesioni fisiche o, in caso di morte, alla famiglia, un equo indennizzo a titolo di riparazione morale".

Dalla prassi dei tribunali svizzeri risulta che questo danno morale viene valutato secondo un processo in due fasi.

I tribunali svizzeri analizzano quindi successivamente :

 la gravità oggettiva della lesione

gli elementi specifici del caso in questione

In una prima fase viene quindi assegnato un importo oggettivo a titolo indicativo, mentre in una seconda fase si tiene conto di tutte le circostanze del caso per adeguare l'importo di base; quest'ultima fase è più importante nei casi gravi.

Fase 1: per calcolare l'importo di base a cui possono avere diritto i parenti stretti della vittima, occorre tenere conto del guadagno massimo assicurato al momento del decesso, ossia 148.200 franchi svizzeri ai sensi della LAINF (Legge sull'assicurazione obbligatoria contro gli infortuni).

https://www.swissriskcare.ch/sites/default/files/src_chiffres_cles_2022.pdf

Nel calcolare tale importo, l'obiettivo di fornire alla parte lesa un certo senso di arricchimento dovrebbe servire solo come criterio generale, applicabile allo stesso modo a tutte le parti lese, e che consente di stabilire l'intervallo entro il quale il risarcimento totale dovrebbe essere situato.

Pertanto, i tribunali svizzeri si sono basati sui dati utilizzati in letteratura, in particolare su quelli di Hütte, che molto probabilmente sono i più vicini alla giurisprudenza attuale. In caso di morte di un bambino viene riconosciuto un indennizzo di base pari al 35% della quota di guadagno assicurata dall'assicurazione obbligatoria contro gli infortuni (Guyaz Alexandre, le tort moral en cas d'accident:une mise à jour, SJ 2013 II p. 215 ss, 250 s.).

Pertanto, in caso di morte umana in seguito a un incidente stradale, un genitore riceverebbe 52.000 franchi svizzeri (ovvero il 35% di 148.200 franchi svizzeri) come risarcimento morale di base.

Fase 2: utilizzando l'esempio dei genitori che hanno perso il proprio figlio, l'importo di base di 52.000 franchi potrebbe essere aumentato in una certa misura, in considerazione delle circostanze attenuanti o aggravanti di ciascun caso specifico.

Il fatto di aver assistito direttamente all'incidente, l'intensità del legame tra una madre e la figlia deceduta, il dolore causato dalla perdita della bambina o la sofferenza morale derivante dal fatto che nessuno è stato riconosciuto colpevole nel procedimento penale, ad esempio, sono elementi che possono essere presi in considerazione dai giudici per aumentare il risarcimento.

Tuttavia, questo compenso deve essere fissato in modo "equo", lasciando così un ampio margine di valutazione ai tribunali. Come già detto, il risarcimento viene valutato anche rispetto a situazioni simili e agli importi riconosciuti in quei casi.

La giurisprudenza e la dottrina tengono conto, tra l'altro, della gravità della colpa commessa dall'autore del reato nel determinare il risarcimento. Quest'ultimo dovrebbe essere considerato solo nella misura in cui ha aggravato il dolore psicologico del ricorrente e ha reso ancora più difficile accettare la situazione subita.

In definitiva, ci sono tanti motivi per concedere 100.000 franchi quanti per concedere 200.000 franchi o 1.000.000 di franchi per lo stesso danno, e sarebbe senza dubbio preferibile che questo tipo di decisione fosse presa direttamente dal legislatore piuttosto che lasciata alla discrezione del giudice.

PERDITA ECONOMICA

L'articolo 45, paragrafo 3, del Codice delle obbligazioni svizzero prevede il risarcimento dei danni per la perdita del sostegno derivante dalla morte di una persona cara. È necessario stimare il reddito ipotetico che un individuo avrebbe ottenuto dalla persona cara deceduta dal giorno del suo decesso. A tal fine, è necessario esaminare diversi criteri: l'ammontare del reddito, la percentuale di tale reddito spesa per il parente, le eventuali riduzioni e la durata del sostegno. Se il sostegno è stato dato in natura (sotto forma di lavoro, aiuto domestico, assistenza, ecc.), è possibile stimarne il valore, ma è più difficile da dimostrare in tribunale.

In conclusione, quando si perde una persona cara, una certa categoria di persone vicine al defunto può far valere i propri diritti davanti a un tribunale per ottenere un risarcimento sia per la sofferenza morale provata sia per il danno economico che segue la morte.

È stato osservato che gli importi assegnati ai parenti sono esigui rispetto a ciò che alcuni hanno subito, come la perdita di un figlio o dei genitori. Solo in casi eccezionali la giurisprudenza svizzera ha raddoppiato il risarcimento dei danni morali e ha impedito che venissero presentate richieste di risarcimento per importi troppo elevati rispetto a questi ultimi, con il rischio di veder respinte le richieste.

Oggi, quindi, sembra che questo processo non sia molto rappresentativo del dolore sopportato. La questione morale dovrebbe probabilmente essere esaminata dal legislatore per rivalutare gli importi assegnati in caso di morte ed evitare che la questione sia lasciata all'arbitrio di un giudice.

Jennifer Gaumann e Ambre Schindler

 

BULLISMO SCOLASTICO: UNO SGUARDO COMPARATIVO AI PERCORSI ATTUALI

1. Il bullismo: un fenomeno sociale del 21° secolo

Il bullismo è generalmente definito come un atto aggressivo e intenzionale perpetrato da un individuo o da un gruppo di individui, ripetutamente contro una vittima che non può difendersi facilmente.

Più specificamente, il bullismo scolastico è caratterizzato da tre aspetti: la ripetizione di un comportamento, la creazione di una relazione di dominio e l'esistenza di un'intenzione di nuocere. Assume la forma di un comportamento aggressivo, sia verbale (minacce, insulti, bugie, derisioni), sia relazionale (esclusione), sia fisico (percosse, racket, molestie sessuali) o materiale (furti, danni, ecc.). Gli effetti sulla giovane vittima possono essere estremamente dannosi: abbandono della scuola, desocializzazione, ansia, depressione o addirittura somatizzazione. A lungo termine, la vittima del bullismo può subire conseguenze significative per il suo sviluppo psicologico e sociale.

Il problema principale è la difficoltà delle vittime di esprimere la loro sofferenza. Pertanto, la lotta al bullismo scolastico richiede innanzitutto la sensibilizzazione degli alunni e del personale scolastico, per evitare la mancanza di reattività o la minimizzazione del fenomeno.

2.    Diversi approcci internazionali a una nuova forma di molestia
● Legge francese: sviluppo della legislazione che criminalizza il bullismo scolastico
Nella legge francese, le molestie sono punibili ai sensi del Codice Penale (C. pénal, art. 222-33-2-2). Gli atti di molestia nelle scuole rientrano quindi in questo reato. Il Codice penale francese criminalizza anche la violenza derivante da atti di nonnismo e il nonnismo stesso, l'istigazione al suicidio, nonché la diffusione di immagini degradanti o la violazione della privacy (C. pén. art. 223 e seguenti). Il diritto di continuare la scuola senza subire molestie è stato persino sancito dall'Articolo 511-3-1 del Codice dell'Educazione. Tuttavia, nonostante la qualificazione del bullismo scolastico come reato penalmente riprovevole, non viene menzionata alcuna sanzione.
● Il caso tedesco: violazione della personalità dell'allievo da parte dell'insegnante
A differenza della legge francese, la legge tedesca non prevede direttamente strumenti per punire il bullismo scolastico, ma i suoi atti costitutivi sono comunque passibili di essere sanzionati da varie disposizioni del Codice Penale o da misure disciplinari.
L'Oberlandesgericht ha osservato che esiste un dovere di protezione da parte degli insegnanti nei confronti degli alunni durante l'orario scolastico, finché questi ultimi sono obbligati a frequentare la scuola. Nella sentenza dell'Oberlandesgericht Zweibrücken (Germania) del 6 maggio 1997, Az. 7O 1150/93), si è ritenuto che la gravità della violazione giustificasse il pagamento dei danni morali.
● L'approccio anglosassone: il ruolo centrale delle scuole
Negli Stati Uniti, in assenza di una legislazione federale che sanzioni specificamente le molestie in quanto tali, comprese quelle scolastiche, esiste una certa protezione contro gli atti di molestia con caratteristiche particolari. Ogni Stato ha leggi o emendamenti contro le molestie. Queste leggi hanno alcuni denominatori comuni, come la raccomandazione alle scuole di prendere provvedimenti.
Neanche il Regno Unito dispone di strumenti specifici contro il bullismo nelle scuole, delegando agli istituti scolastici il compito di proteggere gli alunni, anche al di fuori del perimetro scolastico. L'imposizione di sanzioni in caso di cattiva condotta è possibile senza alcun obbligo da parte delle scuole a questo riguardo, a differenza delle leggi statali americane.
Si può quindi notare che in entrambi gli esempi la scuola è in prima linea nella responsabilità, sia per il rischio di azioni contro di essa, sia per la minaccia di misure amministrative.
● La legge svizzera: un vuoto giuridico sul tema del bullismo
Nella legge svizzera, il bullismo scolastico non è oggetto di alcuna disposizione specifica. Tuttavia, la dottrina tende generalmente ad assimilarlo all'Articolo 328 del Codice delle Obbligazioni, che concretizza la protezione della personalità del dipendente contro le molestie sul posto di lavoro. Il legame comunitario su cui si basa questo articolo esiste anche tra gli studenti e gli altri membri della scuola. Questo si basa sull'obbligo di frequentare la scuola dell'obbligo. Occorre fare una distinzione cruciale tra la dimensione ossessiva delle molestie (o stalking) e il bullismo scolastico come descritto sopra (ATF 5A_526/2009 del 5 ottobre 2009, c. 5.3, SJ 2011 I 65). Presi separatamente, gli atti degli scolari possono sembrare innocui, ma nel complesso la loro natura ripetitiva è distruttiva per le giovani vittime.
In termini legali, la legge cantonale prevede anche strumenti per punire il mancato adempimento dei doveri da parte degli alunni. L'articolo 115, paragrafo 2, della Legge sull'Istruzione del 17 settembre 2015 afferma che "è vietato qualsiasi atto di violenza, in qualsiasi forma, commesso dagli alunni all'interno o all'esterno dell'ambiente scolastico [nei confronti di insegnanti e compagni]".
Alla luce dei diversi approcci legali che sono stati messi in atto, sembra che il bullismo scolastico nel suo aspetto legale sia molto poco regolamentato e addirittura sconosciuto in alcune legislazioni. La Svizzera, essendo una di queste ultime, concentra la sua attenzione sulla responsabilizzazione delle scuole. Tuttavia, si osserva spesso che i divieti di violenza sono accompagnati solo da sanzioni disciplinari o amministrative minori. Queste sono quasi insufficienti in un contesto di molestie che coinvolgono persone vulnerabili. Pertanto, è necessario affrontare il problema mettendo in atto una rigorosa politica di prevenzione e adeguate sanzioni legali per evitare che gli autori e gli astanti delle molestie minimizzino il problema.
Questo articolo non intende valutare quale sia il sistema migliore, ma evidenzia la necessità di una qualificazione giuridica. Una legislazione specifica sul bullismo nelle scuole potrebbe aiutare a focalizzare meglio il problema e a fornire un minimo di sicurezza legale alle vittime.
Ambre Schindler e Jennifer Gaumann

FINALMENTE IL TRUST IN SVIZZERA

Il Consiglio Federale propone, a nome del Parlamento, di introdurre questo nuovo istituto giuridico nel Codice delle Obbligazioni. Nella sua riunione del 12 gennaio 2022 ha inviato il suo progetto per la consultazione.

Il trust è un'antica istituzione legale di diritto anglosassone. Sebbene non sia previsto dal nostro ordinamento giuridico, è stato riconosciuto in Svizzera dall'entrata in vigore della Convenzione dell'Aia sulla legge applicabile ai trust e sul loro riconoscimento del 1 luglio 1985 il 1 luglio 2007.
Secondo l'articolo 11 comma 1 della Convenzione, un trust validamente costituito secondo la legge straniera applicabile è riconosciuto negli altri Stati parte della Convenzione.

Data la complessità e la flessibilità di questa istituzione, che può assumere diverse forme e perseguire diversi scopi, non esiste una definizione unica di trust. A livello internazionale, la Convenzione ha proposto la seguente definizione nell'articolo 2(1): "[...] il termine trust si riferisce ai rapporti giuridici creati da una persona, il settlor, per inter vivos o mortis causa, dove i beni sono stati posti sotto il controllo di un trustee a beneficio di un beneficiario o per uno scopo specifico".

Il trust è quindi un'istituzione con tre parti:
- il settlor, che può essere una persona fisica o giuridica, è colui che trasferisce la sua proprietà al trustee
- il fiduciario è la persona che detiene formalmente i beni, che ne diventa il "proprietario legale"
- i beneficiari, che per semplicità possono essere indicati come i proprietari economici dei beni del trust.

Il trust può essere costituito da un trust inter vivos o da un trust testamentario. Va notato che l'atto di fiducia è un atto unilaterale del disponente, non soggetto all'accettazione del trustee, e che il trust non ha personalità giuridica, il che lo distingue dall'istituzione della fondazione.

In Svizzera i trust sono un importante strumento di pianificazione patrimoniale, in particolare nel campo dell'eredità, per permettere la trasmissione di beni per diverse generazioni.
Per evitare che i clienti svizzeri debbano rivolgersi all'estero per creare trust, il Parlamento ha incaricato il Consiglio Federale, attraverso la mozione 18.3383, di creare la base legale per l'introduzione di questo istituto nel diritto svizzero.
Se il trust venisse introdotto nel nostro paese, sarebbe necessario adattare il Codice delle Obbligazioni e altre leggi federali, in particolare quelle fiscali, che specificherebbero esplicitamente le regole a cui il trust sarebbe soggetto.

La procedura di consultazione aperta dal Consiglio Federale il 12 gennaio 2022 durerà fino al 30 aprile 2022.

Per maggiori informazioni: https://www.admin.ch/gov/fr/accueil/documentation/communiques.msg-id-86746.html