Contact us

Tel: +30 210 3613379
Tel: +41 32 5101465

Contact

Attualità

Il Segreto Bancario Svizzero

Il segreto bancario svizzero protegge la sfera privata dei clienti delle banche. Tuttavia, esso non è illimitato: in caso di sospetto di attività criminali come terrorismo, crimine organizzato, riciclaggio di denaro o frode fiscale il segreto viene abolito e le autorità possono accedere alle informazioni bancarie.

Secondo le nuove convenzioni contro la doppia imposizione, la Svizzera si impegna in tal modo a fornire, nel singolo caso, informazioni a scopi fiscali agli Stati parte sulla base di una domanda concreta e motivata, indipendentemente dall'esistenza di un reato fiscale.

L'evasione fiscale viene anche combattuta mediante la riscossione di un’imposta alla fonte del 35% e altri provvedimenti (p. es. nell’ambito della procedura di valutazione fiscale). L’imposta alla fonte è la più elevata fra tutti gli Stati membri dell’Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE). L’accordo sulla fiscalità del risparmio con l’Unione europea (UE) colma una lacuna: prevede una trattenuta fiscale su tutti gli interessi maturati su fondi stranieri appartenenti a persone fisiche con residenza fiscale in uno Stato membro dell’UE.

Se la Svizzera rinunciasse completamente, e non solo gradualmente, al segreto bancario, potrebbe risolvere da un giorno all’altro le sue vertenze fiscali con gli altri paesi. Finora soltanto i socialisti sostengono questa opzione, che richiederebbe però l’approvazione da parte del popolo.

"Quando finirà questa vicenda?”, si chiedono molti svizzeri di fronte ai continui attacchi contro il segreto bancario che giungono dall’estero. Stati uniti, Germania e diversi altri importanti paesi europei ne hanno abbastanza di vedere come le banche svizzere aiutano i loro cittadini ad evadere il fisco.
 
Il segreto bancario elvetico non protegge gli evasori in caso di frode fiscale, ossia se una persona tenta di ingannare volontariamente il fisco, ad esempio tramite falsificazione di documenti. Il segreto bancario svizzero offre però protezione in caso di sottrazione fiscale, che corrisponde all’omissione, intenzionale o meno, di dichiarare dei redditi o dei patrimoni al fisco.
 
La sottrazione fiscale è vietata pure in Svizzera ed è punibile anche con pesanti multe. Dal 1934, la legge federale sulle banche non permette però alle autorità fiscali di chiedere la sospensione del segreto bancario per chiarire un caso di sottrazione fiscale. Anzi, coloro che violano in segreto bancario, divulgando dati della clientela, rischiano pene detentive.

Consorzio per l'incidente "Costa Concordia"

Costa Concordia

I membri del consorzio possiedono più di cento anni di esperienza cumulativa nel risarcimento per decessi e lesioni verificatesi in grandi disastri marittimi ed aerei. I loro componenti sono stati coinvolti professionalmente in molte delle maggiori tragedie degli ultimi 30 anni. Il consorzio include avvocati con esperienza provenienti da Italia, Inghilterra, Francia, Spagna e Stati Uniti e anche il nostro studio legale. I loro studi rappresentano esclusivamente le parti danneggiate e nella loro attività hanno ottenuto per i loro clienti risarcimenti per più di un miliardo di dollari.

La Svizzera e la Germania parafano una convenzione fiscale

In data odierna i negoziatori di Svizzera e Germania hanno concluso a Berna le trattative concernenti questioni fiscali pendenti e hanno parafato una convenzione fiscale che, per le persone residenti in Germania, prevede il pagamento a posteriori di un'imposta sulle loro attuali relazioni bancarie in Svizzera. Al riguardo esse possono effettuare un pagamento unico d'imposta oppure dichiarare i loro conti. I futuri redditi e utili dei capitali di clienti bancari tedeschi in Svizzera saranno soggetti a un'imposta liberatoria, il cui provento sarà trasferito dalla Svizzera alle autorità tedesche. Con la convenzione i due Paesi intendono inoltre migliorare l'accesso ai reciproci mercati per i fornitori di servizi finanziari. La convenzione dovrebbe essere firmata nelle prossime settimane da entrambi i Governi e potrebbe entrare in vigore all'inizio del 2013.

La Svizzera e la Grecia firmano la riveduta Convenzione per evitare le doppie imposizioni

In data odierna, la consigliera federale Eveline Widmer-Schlumpf e l’ambasciatore di Grecia in Svizzera John Mourikis hanno firmato a Berna una Convenzione per evitare le doppie imposizioni in materia di imposte sul reddito (CDI). La CDI contiene disposizioni sullo scambio di informazioni negoziate in base ai parametri decisi dal Consiglio federale e che corrispondono allo standard dell’OCSE.