Contact us

Tel: +30 210 3613379
Tel: +41 32 5101465

Contact

  • Traffico aerio

    Il nostro Studio si e’ distinto nel processo di liberalizzazione dei servizi che sono legati al traffico aereo in Grecia.

    Eurolegal - Traffico aerio
  • Economia e tasse

    Inter-relazionandoci con gli uffici fiscali sia in Grecia che all’estero, la possiamo consigliare ed assistere nella migliore maniera possibile. Possiamo riorganizzare la vostra posizione finanziaria e fiscale in accordo con la legislazione greca.

    Eurolegal - Economia e tasse
  • Diritto commerciale

    Tanti anni fa quando internet era ancora sconosciuto in Grecia, siamo stati all’avanguardia nell’assistenza delle prime societa’ attive in questo settore . Abbiamo costruito con successo la HOL / Hellas on Line, il servizio internet numero 1 in Grecia.

    Eurolegal - Diritto commerciale
  • Tecnologia e informatica

    Tanti anni fa quand o internet era ancora sconosciuto in Grecia, siamo stati tra coloro che hanno costituito le prime avanguardie in questo campo. Abbiamo partecipato, con grande successo, alla costituzione della HOL / Hellas on Line, il servizio internet numero 1 in Grecia.

    Eurolegal - Tecnologia e informatica
  • Diritto del lavoro

    Secondo la nostra opinione, questo é un settore che richiede molta finezza ed é nel seguente modo che noi procediamo. Specificamente in liti inerenti il diritto del lavoro, la quale risoluzione può essere risolta senza grande problemi e pacificamente.

    Eurolegal - Diritto di lavoro
  • Intellectual property - patenti

    Sia che voi vogliate semplicemente verificare il deposito di un marchio commerciale, di un logo o di un brevetto industriale a livello nazionale , europeo o internazionale , voi potete contare su di noi : ben organizzati e grazie alla nostra esperienza , sapremo assistervi efficacemente.

    Eurolegal - Intellectual property - patenti
  • Diritto privato e diritto famigliare

    Qualora si presentino difficoltá nella vostra vita privata, lo studio ELC vi puo’ aiutare. Siamo vicini alle vostre esigenze per assistervi e guidarvi per affrontare un largo ventaglio di problematiche inerenti con delle soluzioni flessibili e tagliate su misura, non solo in Grecia ma anche in qualsiasi parte del mondo vi troviate.

    Eurolegal - Diritto privato e diritto famigliare
  • Immobilie

    Numerosi acquirenti di beni immobili si indirizzano a noi per proteggere o gestire al meglio I loro investimenti. Noi possiamo assistervi nella negoziazione, redigere I contratti ed incaricarci di acquisire tutta la documentazione necessaria dall’inizio alla fine.

    Eurolegal - Immobilie

Benvenuto a ELC

Per un'assistenza giuridica completa... pensate a ELC

ELC é un nuovo concetto di assistenza giuridica, che tramite una rete internazionale di esperti legali al vostro servizio offre assistenza specializzata sia al livello locale che internazionale secondo una comune filosofia lavorativa.

ELC possiede una grande esperienza in numerosi settori lavorativi e propone un'ampia varietà di servizi in diverse lingue sia per soggetti privati che per società. Il nostro raggio d'azione copre molti campi del diritto e pertanto ELC vanta una numerosa clientela internazionale.

Usiamo le tecnologie più moderne ed avanzate che ci consentono la possibilità di essere sempre e direttamente in contatto con le maggiori istituzioni sia locali che internazionali tra cui NGO e Istituzioni Europee in molti settori in cui essi operano. Questo ci permette di essere sempre aggiornati ma non dimentichiamo mai quanto sia importante mantenere un contatto personale con i nostri clienti.

Il nostro obiettivo è quello di fornire un'assistenza legale personalizzata, "su misura" per i nostri clienti, pronti a rispondere ad ogni tipo di evenienza giuridica.

Le nostre tariffe sono all inclusive e soprattutto trasparenti in quanto non contengono costi nascosti.

Siamo lieti di potervi offrire una consulenza iniziale nei settori di nostra competenza e di farvi un preventivo di spesa senza chiedervi alcuna ricompensa per il servizio.

Non esitate a mettervi in contatto con noi per ulteriori informazioni riguardanti il nostro servizio e la nostra assistenza.

È contraria al diritto dell’Unione la legislazione greca che vieta a un monaco in possesso della qualifica di avvocato in un altro Stato membro di iscriversi all’albo degli avvocati a causa dell’incompatibilità tra il suo status di monaco e la professione

Il 12 giugno 2015, Monachos Eirinaios (il monaco Ireneo), un monaco del monastero di Petra, sito in Karditsa (Grecia) ha presentato, presso il Dikigorikos Syllogos Athinon (DSA, consigliodell‘ordine degli avvocati di Atene, Grecia) una domanda di iscrizione nel registro speciale del Foro di Atene in qualità di avvocato che ha acquisito tale qualifica professionale in un altro Stato membro, ossia a Cipro. Il DSA ha respinto tale domanda in base alle disposizioni nazionali relativeall‘incompatibilità tra l‘esercizio della professione di avvocato e lo status di monaco, ritenendo che tali disposizioni si applichino anche agli avvocati che desiderino esercitare la professione forense in Grecia utilizzando il loro titolo professionale di origine. Il monaco Ireneo ha impugnato tale decisione dinanzi al Symvoulio tis Epikrateias (Consiglio di Stato, Grecia).

È in tale contesto che il Symvoulio tis Epikrateias ha chiesto alla Corte di giustizia se sia conformeal diritto dell‘Unione il divieto di iscrivere un monaco della Chiesa di Grecia quale avvocato nel registro dellautorità competente di uno Stato membro diverso da quello in cui è stata acquisita la qualifica, per esercitare ivi la professione di avvocato usando il suo titolo professionale di origine.

Con la sua odierna sentenza, la Corte interpreta la direttiva 98/5/CE, che ha lo scopo di facilitarel’esercizio permanente della professione di avvocato, come libero professionista o come lavoratoresubordinato, in uno Stato membro diverso da quello nel quale è stata acquisita la qualifica professionale. La Corte ricorda che la direttiva istituisce una procedura di reciproco riconoscimento dei titoli professionali degli avvocati migranti che desiderino esercitare la professione utilizzando il titolo ottenuto nello Stato membro di origine, armonizzandocompiutamente i requisiti preliminari richiesti per l’uso del diritto di stabilimento che essaattribuisce.

Ebbene, la Corte ha già dichiarato che la presentazione, all’autorità competente dello Statomembro ospitante, di un attestato di iscrizione presso l’autorità competente dello Stato membro di origine risulta l’unica condizione alla quale dev’essere subordinata l’iscrizione dell’interessato nello Stato membro ospitante che gli consenta di esercitare la professione, in quest’ultimo Stato membro, utilizzando il suo titolo professionale di origine. Il legislatorenazionale non può aggiungere altre condizioni a quelle preliminarmente richieste per l’iscrizione presso l’autorità competente dello Stato membro ospitante. Infatti, occorre distinguere, da un lato,l’iscrizione presso l’autorità competente dello Stato membro ospitante, la quale è soggetta all’unica condizione della presentazione di un attestato di iscrizione presso l’autorità competente dello Stato membro d’origine, e, dall’altro, l’esercizio stesso della professione di avvocato nello Stato membro ospitante, all’atto del quale detto avvocato è soggetto alle norme professionali e deontologicheapplicabili nel medesimo Stato membro.

La Corte giudica che le norme professionali e deontologiche, contrariamente a quelle vertenti sui requisiti preliminari richiesti per l’iscrizione, non sono state oggetto di armonizzazione e, pertanto, possono divergere considerevolmente tra lo Stato membro di origine e lo Stato membro ospitante. A tal proposito, la Corte ricorda che è concesso al legislatore nazionale prevedere garanzie siffatte purché le norme stabilite a tal fine non eccedano quanto necessario al conseguimento degli obiettivi perseguiti.

Tuttavia, la Corte sottolinea che le norme professionali e deontologiche applicabili nello Statomembro ospitante, per essere conformi al diritto dell’Unione, devono rispettare,segnatamente, il principio di proporzionalità, il che implica che esse non eccedano quanto necessario al raggiungimento degli obiettivi perseguiti. Spetta al Symvoulio tis Epikrateias procedere alle verifiche necessarie per quanto concerne la regola di incompatibilità in questione.

La Corte conclude che la direttiva osta a una legislazione nazionale che vieta a un monaco in possesso della qualifica di avvocato, iscritto quale avvocato presso l’autorità competentedello Stato membro di origine, di iscriversi presso l’autorità competente dello Stato membro ospitante al fine di esercitare ivi la sua professione utilizzando il suo titolo professionale di origine.

 

Newsfeed

  • Slide 01
  • Slide 02
  • Slide 03
  • Slide 04
  • Slide 05
  • Slide 06